Quando si parla di “strumenti ad ultrasuoni”, è chiaro che si tratta di dispositivi che svolgono la loro funzione tramite l’utilizzo degli ultrasuoni, quindi, per dare una risposta corretta alla domanda “cosa sono gli strumenti ad ultrasuoni?” è meglio cominciare col descrivere che cos’è un ultrasuono.

Cos’è un ultrasuono?

Il termine ultrasuono fa riferimento all’utilizzo di onde sonore a frequenze molto alte, solitamente più alte rispetto alla capacità uditiva dell’orecchio umano.

Ciò significa che gli ultrasuoni applicano frequenze superiori a 20 kilohertz con valori di funzionamento che arrivano fino al campo dei gigahertz, a seconda dello strumento.

Il termine ultrasuono viene comunemente utilizzato nel settore sanitario, principalmente nell’ambito ecografico.

Tuttavia, nel settore ingegneristico, gli strumenti a ultrasuoni vengono utilizzati per scopi differenti, come i test non distruttivi, la misurazione e il controllo della qualità.

Strumenti a ultrasuoni per i test non distruttivi

Alcuni strumenti a ultrasuoni vengono utilizzati per identificare e verificare le caratteristiche meccaniche, mantenendo integra la parte su cui viene effettuato il test.

Questa tipologia di strumenti è particolarmente utile per l’ultimazione di parti o prodotti  e permette di identificare e testare aspetti quali:

  • Difetti sulla finitura superficiale spesso non visibili a occhio nudo;
  • Durezza dei materiali;
  • Crepe sui tubi che possono provocare perdite;
  • Altri difetti impercettibili.

 

strumenti ad ultrasuoni - SAUT500D-SW

 

Inoltre, l’utilizzo degli strumenti a ultrasuoni per il controllo non distruttivo (CND) offre altri vantaggi, come ad esempio:

  • Individuazione sia dei difetti esterni che di quelli interni;
  • Rilevamento di difetti volumetrici, come eventuali crepe, indipendentemente dal loro orientamento;
  • Risparmio di tempo per testare pezzi di diverso spessore;
  • Gli ultrasuoni non sono nocivi per la salute, al contrario delle radiazioni emesse con altri controlli.

Quali strumenti per il controllo non distruttivo?

Fra i più comuni dispositivi troviamo:

Norme di riferimento per le prove non distruttive

I controlli non distruttivi sono regolamentati da diverse normative che stabiliscono i metodi di verifica da applicare in base al materiale, allo spessore del metallo, al tipo di giunto ecc.

Noi di S.A.M.A. Italia siamo associati a UNI  Ente italiano di Normazione:

Essere Socio ti permette di partecipare in prima persona alla definizione delle norme, contribuendo a definire le regole del tuo settore di riferimento invece che subirle.

UNI permette agli associati e non di consultare le normative di riferimento in qualsiasi momento, acquistandole on line.

 

Associazione italiana Prove non Distruttive

In Italia è presente dal 1979 AIPnD, un’organizzazione a carattere scientifico, culturale e professionale tra le prime e più importanti del mondo nel suo settore.

I Soci appartengono a istituti, centri di ricerca, organizzazioni, scuole, studi professionali, aziende produttrici di strumentazione e che forniscono servizi PnD.

L’associazione ha sede a Brescia e promuove la conoscenza scientifica, tecnica e lo sviluppo tecnologico delle prove non Distruttive oltre a valorizzare la professione degli addetti al settore.

 

Strumenti ad ultrasuoni

Strumenti a ultrasuoni per la misurazione

Secondariamente, gli strumenti a ultrasuoni si utilizzano per la misura dello spessore dei materiali o della vernice.

Li puoi trovare nella sezione del nostro sito “misura a ultrasuoni dello spessore”.

Sono strumenti che misurano lo spessore tramite una sonda che genera un impulso a ultrasuoni.

In parole semplici, lo strumento misura lo spessore tramite un calcolo del tempo impiegato dall’impulso per ottenere un riflesso dalla superficie opposta e tornare poi alla sonda.

 

Il valore ottenuto dalla misurazione permette di identificare e verificare:

  • Spessore di un materiale per possibile usura;
  • Corrosione dei materiali;
  • Possibilità di fessure/rotture;
  • Spessore superficiale esatto.

Inoltre, questi dispositivi offrono diversi vantaggi quali:

  • Non viene danneggiato il campione misurato;
  • Elevata precisione;
  • Sono molto semplici da utilizzare anche in laboratorio;
  • Meno costosi rispetto ad altre tipologie di strumenti;

Ecco quindi alcuni strumenti a ultrasuoni che produciamo a marchio SAMA Tools, parliamo di vari modelli di misuratori di spessori :

Guarda il video che abbiamo realizzato sullo spessimetro grafico

 

Strumenti a ultrasuoni per il controllo qualità

Gli strumenti per il controllo e la misurazione non distruttiva vengono utilizzati per verificare e confrontare i risultati ottenuti con quelli previsti.
Se i risultati corrispondono alle specifiche della parte o del prodotto testato, si può stabilire che tale elemento ha le qualità desiderate in origine ed è conforme.

Arrivati a questo punto è evidente l’importanza che ricoprono nell’ambito del controllo qualità: gli strumenti a ultrasuoni forniscono informazioni che sono essenziali per la garanzia della qualità, come ad esempio:

  • Misura e controllo della rugosità;
  • Spessore delle pareti;
  • Spessore dei rivestimenti;
  • Misura e controllo del colore e della brillantezza;
  • Durezza dei materiali.

I benefici per il settore del controllo qualità includono tutti gli aspetti elencati sopra, oltre al fatto che alcuni di questi strumenti possono essere utilizzati direttamente in linea di produzione senza la necessità di prelevare campioni in laboratorio.

Altri strumenti utili per le attività legate al controllo qualità sono:

E questa è solo una breve lista, visitando il nostro sito internet potrai renderti conto delle numerose possibilità di misurazione.

 

strumenti di misura - sa8825fn

Quali materiali possono essere testati?

A questo punto dovresti aver capito cosa sono, come funzionano e quali sono le principali applicazioni degli strumenti a ultrasuoni.
Inoltre, è fondamentale anche capire quali sono i materiali che rendono il metodo a ultrasuono più efficiente.
Fortunatamente questa tipologia di strumenti copre un ampio raggio di materiali, specialmente se sono strumenti di alta qualità.
Ad esempio, il nostro misuratore di spessori ad ultrasuoni centesimale – SAUT160 può misurare lo spessore dei materiali conduttori ad ultrasuoni come:

  • Acciaio
  • Ghisa
  • Alluminio
  • Rame
  • Ottone
  • Zinco
  • Vetro di Quarzo
  • Polietilene
  • PVC
  • Ghisa grigia
  • Ferro sferoidale

Conclusioni

Per concludere, è chiaro che una risposta breve e precisa alla domanda “Cosa sono gli strumenti a ultrasuoni?” potrebbe essere “potenti strumenti di prova e misura”.
Oltre a ciò, il fatto che questi strumenti siano in grado di fornire informazioni essenziali per migliorare la qualità, li rende un “must have” per ogni azienda attenta al controllo qualità.
Tieni però presente che gli strumenti ad ultrasuoni non sono utilizzati solamente per il controllo qualità, alcuni di questi sono molto utili anche per effettuare ispezioni di manutenzione su serbatoi, lamiere metalliche, tubazioni, contenitori a pressione, paratie e altre attrezzature in cui possono essere presenti corrosione e altri difetti.

Se sei interessato all’acquisto dei nostri strumenti a ultrasuoni o hai domande riguardo a questi o ad altri prodotti o servizi, non esitare a contattarci. Saremo felici di aiutarti.

Il dinamometro è uno strumento di misura utilizzato in meccanica per la valutazione di una forza applicata. Continua a leggere perché tra poco approfondiremo il tema della misura della forza peso in trazione e compressione.

Inoltre, grazie a G21 S.r.l scopriremo  come questo strumento di misura viene utilizzato in un settore molto particolare, quello dei cementi ossei in ortopedia.

Cos’è la trazione?

La trazione è la sollecitazione a cui è sottoposto un corpo che è soggetto a un sistema di forze divergenti.

Il principio di resistenza a rottura per trazione fu scoperto da Galileo Galilei e illustrato nel trattato Discorsi e dimostrazioni matematiche intorno a due nuove scienze del 1638.

Cos’è la compressione?

In meccanica la compressione è una delle sollecitazioni meccaniche elementari insieme alla trazione e la flessione. La compressione è la sollecitazione a cui è sottoposto un corpo che è soggetto a un sistema di forze convergenti.

Dinamometro per la misura della forza in trazione e compressione

I Dinamometri digitali a cella interna o esterna a marchio SAMA Tools sono utilizzati per la misura della forza peso in trazione e compressione e sono capaci di sostenere carichi fino a 200.000 N.

Questi strumenti di misurazione offrono sensibilità e precisione e sono ideali per le esigenze più importanti e possono essere corredati, su richiesta, dal rapporto di taratura o certificato ACCREDIA.

Dinamometro per la misura della forza

Dinamometro per cementi ossei

Gli ambiti di utilizzo di questi misuratori di forza sono molteplici ed eterogenei.

Oggi vogliamo parlarti dell’utilizzo del dinamometro nel settore dei cementi ossei.

I cementi ossei sono utilizzati con successo per ancorare protesi dell’anca, ginocchio, spalla, gomito ecc.

Fasi di lavorazione biomateriali

Il ruolo del nostro cliente G21 S.r.l.

G21 S.r.l è un’azienda modenese produttrice di soluzioni innovative nel campo dei biomateriali e delle procedure per il consolidamento vertebrale e il ripristino della funzionalità articolare.

Dal 2010 opera  secondo un Sistema di Qualità conforme alla EN ISO 13485 “Sistemi di Gestione per la Qualità – requisiti per scopi regolamentari applicabili ai Dispositivi Medici”.

G21 dispone di un catalogo di prodotti (tra cui impiantabili a lungo termine e dispositivi medici di classe III) di cui detiene integralmente il know-how e la tecnologia progettuale e
produttiva. Ricerca e Sviluppo sono condotti internamente e in collaborazione con importanti Istituzioni di Ricerca ed Università a livello internazionale.

L’azienda punta tutto su materie prime di elevata qualità, controllo assoluto dei processi e dei fornitori e rispetto degli standard qualitativi internazionali più rigorosi.

G21 si affida a noi soprattutto per la fornitura e taratura di strumenti volti al controllo dei carichi di rottura. Le basse forze di trazione in gioco necessitano di strumentazione di elevata precisione e ripetibilità, come i nostri dinamometri digitali.

Parliamo in particolare del modello SADFGE-P che è caratterizzato da celle di carico di dimensioni tali da non poter essere integrate nel corpo strumento e dimensionate ai carichi che devono sopportare. Questo strumento utilizza una cella di carico ad alte prestazioni che garantisce una migliore precisione, riducendo l’errore di fondoscala.

Fai come G21 S.r.l. e parti con il piede giusto con gli strumenti di misura SAMA Tools!

 

Desideri maggiori informazioni o assistenza?

Se sei alla ricerca di informazioni su un modello specifico di dinamometro, sulla sua taratura o desideri saperne di più, contatta il nostro reparto tecnico. Puoi chiamarci subito ai numeri 0584/392342 – 0584/392453 o, in alternativa, compilare il modulo online per contattarci per iscritto.

Come è possibile avere la certezza che uno stesso tipo di oggetto non presenti differenze di colore?

Lo scopriamo in questo articolo, continua a leggere perché oggi parliamo dello strumento principe di misurazione del colore: il colorimetro.

Capirai cos’è, cosa misura e potrai vederlo in funzione nel video che abbiamo realizzato per te.

Cos’è un colorimetro?

Il colorimetro è uno strumento per la misura comparativa del colore, che permette di effettuare misure accurate della differenza tra tutti i tipi di colore di uno stesso materiale, in base a degli standard internazionali.

Il colore degli oggetti

La scelta del colore nel design è di estrema importanza, anche se è molto soggettiva.

I colori evocano emozioni e l’emozione che il colore evoca può cambiare da persona a persona.

Studiare come i diversi colori influenzano le persone è diventata una vera e propria professione.

Basta cambiare semplicemente la tonalità del colore o la saturazione per evocare sensazioni completamente diverse.

Inoltre vanno analizzate anche le differenze culturali poiché ciò che rappresenta felicità in un paese, può rappresentare qualcosa di deprimente in un altro.

Prendiamo ad esempio i colori del nostro logo: ROSSO e BLU e vediamo i significati tra Oriente ed Occidente.

Rosso:

• Occidente: eccitazione, amore, passione

• Oriente: vestito delle spose, gioia

Blu :

• Occidente (Europa) : rilassamento, fiducia

• Oriente: tristezza, depressione, tradizione nuziale, prudenza

La percezione del colore

Diventa quindi fondamentale per ogni produttore, in tutti gli ambiti, essere in grado di riprodurre il colore scelto senza correre il rischio di incappare in errori visivi.

Per la percezione del colore entrano in campo tre elementi principali: luce, oggetto e osservatore.

Ogni cambiamento anche minimo di uno di questi tre elementi cambia inevitabilmente la percezione del colore.

Se la fonte di luce e l’osservatore non subiscono cambiamenti, è l’oggetto che determinerà la percezione del colore dell’osservatore.

L’oggetto è in grado di influenzare la percezione del colore perché gli spettri riflettenti (spettri di trasmittanza) dello stesso hanno modulato lo spettro della sorgente di luce.

Ogni oggetto ha diversi spettri di riflettività e la sorgente di luce a sua volta ne modifica gli spettri di riflettività così da ottenere risultati differenti.

L’osservatore è lo stesso, ma i colori percepiti sono diversi.

Il colorimetro ci aiuta ad effettuare le misure comparative del colore.

Colorimetro

Il rapporto di taratura per il colorimetro

Un servizio opzionale, che si può richiedere insieme al colorimetro, è il rapporto di taratura.

Si tratta di un documento rilasciato da centri di taratura attraverso il quale viene assicurata la riferibilità della misura ai campioni nazionali.

La validità tecnica di questi documenti deriva dalla qualifica del laboratorio, dalla competenza tecnica degli operatori e dalle procedure metrologiche utilizzate.

Su quali materiali si utilizza il colorimetro?

I colorimetri sono in grado di operare su materiali quali plastica, metallo, stampe, superfici verniciate.

Vengono impiegati principalmente per il controllo qualità su merci in ingresso e in uscita.

Come funziona il colorimetro?

Il principio di funzionamento del colorimetro si basa sulla misura degli aspetti cromatici della luce che arriva sulle superfici da qualsiasi sorgente, diretta o indiretta.

 

Alcuni punti di forza:

  1. Compatto
  2. Portatile
  3. Semplice da utilizzare

 

 

Adatto per le analisi delle fasi intermedie della produzione di materiali quali:

  1. Abiti
  2. Costruzioni
  3. Decorazioni d’interni
  4. Plastiche
  5. Vernice
  6. Rivestimenti 
  7. Porcellane.

Ideale per le misure sul campo.

 

 

Colorimetro

 

 

E’ in grado di misurare le differenze di colore tra due differenti campioni del medesimo materiale in maniera rapida ed accurata.

 

Quale differenza tra colorimetro e spettrofotometro?

 

E’ questa la domanda che abbiamo formulato in un post su LinkedIn:  leggi la risposta qui sotto!

 

 

 

Desideri maggiori informazioni o assistenza?

Se sei alla ricerca di informazioni su un modello specifico di colorimetro o desideri saperne di più, contatta il nostro reparto tecnico. Puoi chiamarci subito ai numeri 0584/392342 – 0584/392453 o, in alternativa, compila il form.