Il rapporto di taratura degli spessimetri a ultrasuoni

Il rapporto di taratura (abbreviato con RDT) con riferibilità ai campioni primari per uno spessimetro a ultrasuoni, è un documento che descrive il processo di taratura dello strumento e fornisce i valori di taratura ottenuti utilizzando campioni primari di riferimento.

Il processo di taratura

Il processo consiste nel misurare lo spessore noto di un campione primario standard, utilizzando lo spessimetro a ultrasuoni.

Il valore misurato viene quindi confrontato con il valore noto del campione primario determinando lo scostamento e se lo strumento necessita di eventuale messa a punto.

A tal proposito, è importante chiarire che, il servizio di taratura è come una fotografia dello strumento nello stato in cui si trova. Pertanto, eventuale messa a punto, è un servizio differente ed opzionale, da richiedere a parte.

Quali dati contiene il rapporto di taratura dello spessimetro (RDT)?

Il rapporto di taratura con riferibilità ai campioni primari contiene informazioni quali:

  1. Intestatario del rapporto di taratura;
  2. l’identificazione dello strumento e delle sue specifiche;
  3. la procedura utilizzata per la taratura;
  4. i campioni primari utilizzati per la riferibilità;
  5. i valori misurati dallo strumento;
  6. lo scostamento tra i valori noti e quelli misurati;
  7. la data di taratura e l’eventuale scadenza della taratura successiva, se il cliente lo richiede espressamente.

Il rapporto di taratura serve come prova della taratura dello strumento e consente di garantire che esso sia utilizzato in modo affidabile per la misura dello spessore.

Quanto tempo serve per ricevere il rapporto di taratura (RDT)?

Il tempo necessario per ricevere il rapporto di taratura degli spessimetri a ultrasuoni può variare a seconda di diversi fattori come la disponibilità dei tecnici specializzati, la quantità di strumenti da tarare, la complessità degli strumenti ecc. Tuttavia, in generale, il tempo richiesto per ottenere il rapporto di taratura degli spessimetri ad ultrasuoni può essere stimato tra 1 e 3 giorni lavorativi.

Rapporto di taratura vs. certificato di taratura ACCREDIA: le differenze che non tutti conoscono

Come abbiamo già visto in altri articoli, Il rapporto di taratura con riferibilità ai campioni primari differisce dal certificato di taratura ACCREDIA.

Anche i tempi e i costi per ottenere un certificato di taratura ACCREDIA sono maggiori rispetto a quelli per ottenere un rapporto di taratura.

Il cliente deve quindi stabilire quale dei due documenti è più adatto alle sue esigenze, in base ad esempio, alle specifiche applicazioni dello strumento di misura. Se lo strumento viene utilizzato in applicazioni critiche che richiedono un elevato livello di precisione e riconoscimento ufficiale della taratura, allora potrebbe essere necessario richiedere un certificato di taratura ACCREDIA. Se invece lo strumento viene utilizzato in applicazioni meno critiche o per uso interno aziendale, un rapporto di taratura con riferibilità ai campioni primari potrebbe essere sufficiente.

Per approfondire le differenze ti invitiamo a leggere l’articolo Certificato di collaudo finale o taratura degli strumenti?

Perché affidarsi al servizio di taratura di S.A.M.A. Italia

Se vuoi garantire la massima qualità dei tuoi prodotti e aumentare la soddisfazione dei clienti, affidati al nostro servizio di taratura con riferibilità ai campioni primari per il tuo spessimetro ad ultrasuoni.

Avrai così la sicurezza di sapere se i tuoi strumenti di misura sono precisi e affidabili per la misurazione degli spessori dei tuoi prodotti.

Inoltre, ti offriamo una rapida restituzione del tuo strumento tarato, consentendoti di lavorare senza interruzioni.

S.A.M.A. Italia è socio UNI, l’associazione italiana per la normazione. Questo ci consente di avere accesso alle norme tecniche di riferimento e di rimanere costantemente aggiornati sulle novità del nostro settore.

Possiamo così offrire ai clienti un servizio altamente professionale, basato sulle norme tecniche e sulle migliori pratiche operative.

Siamo fieri di aver già aiutato clienti provenienti da tanti settori differenti e le testimonianze che puoi leggere cliccando sull’immagine in basso, rappresentano una prova tangibile dell’efficacia dei nostri strumenti di misura e del servizio di taratura.  Non esitare a consultarle, sono un ottimo esempio del vasto raggio d’azione della nostra attività di controllo qualità.

Per maggiori informazioni sui nostri servizi di taratura contattaci ai seguenti recapiti:

Telefono: 0584/392342 o 392453
Email: sales@samatools.it

Siamo a tua disposizione per qualsiasi richiesta di informazione o chiarimento.

Le verifiche degli ascensori richiedono standard molto elevati e severi, poiché quando si tratta della vita delle persone, l’attenzione va sempre mantenuta alta con norme di sicurezza e linee guida specifiche.

Nel caso dell’UE, la direttiva ascensori 2014/33/UE fornisce le linee guida per la sicurezza e l’affidabilità degli “ascensori in servizio permanente negli edifici e nelle costruzioni”.

La direttiva definisce un ascensore come: “apparecchio di sollevamento che collega piani definiti, mediante un supporto del carico che si sposta lungo guide rigide e la cui inclinazione sull’orizzontale è superiore a 15 gradi, destinato al trasporto di persone e cose, solo se il supporto del carico è accessibile, ossia una persona può entrarvi senza difficoltà ed è munito di comandi situati all’interno del supporto del carico o a portata di una persona all’interno del supporto del carico.”

Altri dispositivi contemplati dalla direttiva sono:

  • Dispositivi di bloccaggio delle porte di piano.
  • Dispositivi di prevenzione delle cadute di cui al punto 3.2 dell’allegato I per impedire la caduta della cabina o movimenti ascendenti incontrollati.
  • Dispositivi di limitazione della velocità.
  • Ammortizzatori ad accumulo di energia: sia non lineari, o con smorzamento del movimento di ritorno e ammortizzatori a dissipazione di energia.
  • Dispositivi di sicurezza montati su martinetti di circuiti di potenza idraulici utilizzati come dispositivi di prevenzione delle cadute.
  • Dispositivi elettrici di sicurezza sotto forma di interruttori contenenti componenti elettronici.

In che modo la direttiva influenza le attività di produttori e installatori?

L’applicazione della direttiva sopra descritta implica che i produttori e gli installatori debbano conformarsi ai requisiti previsti dalla normativa per ottenere la certificazione e garantire sicurezza ai loro clienti e ai consumatori finali.

Il produttore o il fornitore di servizi deve adottare diverse misure per conformarsi alla direttiva ascensori 2014/33/UE. Ci concentreremo oggi sull’importanza di una di queste misure: stiamo parlando della verifica e certificazione degli ascensori.

Direttiva ascensori

Foto da www.canva.com

Verifica e certificazione degli ascensori secondo la Direttiva Ascensori 2014/33/UE

La verifica e la certificazione in conformità alla direttiva prevede una serie di attività focalizzate alla garanzia di sicurezza e affidabilità degli impianti. Le più rilevanti sono:

Verifica della progettazione

Si riferisce alla valutazione di schemi e specifiche riguardanti codici, norme, specifiche di acquisto e requisiti legali applicabili.

Omologazione

Per omologare un ascensore, vengono effettuate una serie di prove e ispezioni di specifiche, codici, direttive e norme applicabili agli ascensori e ai loro componenti.

Attività ispettive e audit

La corretta esecuzione delle ispezioni e audit prevede un esame approfondito dei sistemi meccanici, strutturali, elettrici e di sicurezza, compresi cavi e catene.

Esame finale

Questa è di solito la fase finale di un’ispezione, poiché si riferisce alla supervisione delle prove di prestazione per garantire che i parametri misurati siano corretti per un funzionamento sicuro.

Il recepimento della direttiva ascensori con il DPR 23/2017

Il DPR 23/2017 è stato pubblicato nella Gazzetta Ufficiale del 15/03/2017. Si tratta del “Regolamento concernente modifiche al decreto del Presidente della Repubblica 30 aprile 1999, n. 162, per l’attuazione della direttiva 2014/33/UE relativa agli ascensori ed ai componenti di sicurezza degli ascensori nonché per l’esercizio degli ascensori” .

ALPI, l’Associazione Laboratori e Organismi di Certificazione e Ispezione, ha messo a disposizione sul suo sito un estratto della Gazzetta Ufficiale del 15/03/2017 n. 62 recante il nuovo “Decreto Ascensori 2017”. 

Altri importanti aggiornamenti sul mondo degli ascensori sono disponibili sul sito di Assocert (Associazione italiana per il Sostegno e Controllo della Conformità dei Prodotti delle Professioni e delle Certificazioni).

La nostra azienda da diversi anni ha attivato una convenzione con gli associati Assocert, in base alla quale offriamo i nostri strumenti con un uno sconto dedicato.

Scrivi a sales@samatools.it per maggiori dettagli.

Verifica e certificazione degli ascensori con Check Ingegneria e Servizi

Check Ingegneria e Servizi è un’azienda italiana che ha come core-business le verifiche e certificazioni di Ascensori previste dal D.P.R. 30 aprile 1999 n. 162.

Il loro obiettivo principale, appunto, è quello di garantire il corretto funzionamento dei dispositivi di sicurezza degli impianti ascensoristici, ma anche la verifica di altre tipologie di impianti.

Le principali attività dell’azienda sono quindi:

  • Verifiche e certificazioni di Ascensori previste dal D.P.R. 30 aprile 1999 n. 162.
  • Verifiche di Gru e altri apparecchi di sollevamento (previste dal D.M. 11 aprile 2011).
  • Prevenzione degli incendi e verifica periodica dei sistemi di messa a terra.
  • Verifica dei cancelli motorizzati secondo la Direttiva Macchine 2006/42/CE.
Check ingegneria

Foto sito web Check ingegneria

 

Check Ingegneria e Servizi prende molto sul serio l’attività di verifica degli ascensori, dalle quali dipende la sicurezza sia dell’impianto che degli utilizzatori.

L’azienda offre verifiche periodiche biennali su ascensori e piattaforme elevatrici, garantendo così ai suoi clienti il rispetto delle scadenze previste dal relativo decreto presidenziale.

Come descritto in precedenza, tutte queste verifiche richiedono prove e misurazioni diverse. Per questo motivo è necessario dotarsi di strumentazione precisa e affidabile, in modo che i risultati possano garantire la sicurezza desiderata. Una misurazione errata o imprecisa potrebbe condurre a situazioni pressoché catastrofiche.

Kit completo per controllo e manutenzione ascensori di SAMA Tools: la soluzione

Check Ingegneria e Servizi ha scelto il nostro Kit completo di strumentazione per controllo e manutenzione ascensori per effettuare le verifiche e le certificazioni degli ascensori per i propri clienti al fine di garantire il rispetto della direttiva europea e del Decreto presidenziale sopra descritto. Il nostro kit è inoltre conforme alla Direttiva Ascensori 2014/33/UE ed include tutti gli strumenti necessari, tra cui:

  • Dinamometro analogico
  • Tachimetro
  • Luxmetro
  • Manometro
  • Misuratore di isolamento
  • Pinza amperometrica
  • Calibro digitale IP67

 

Tutti questi strumenti sono forniti in una valigetta con il relativo rapporto di taratura.

Proprio parlando di taratura, Check Ingegneria e Servizi ci invia ad intervalli periodici la strumentazione per effettuare una nuova taratura in modo da essere sempre in regola con il proprio parco strumenti.

La taratura svolge un ruolo importante nel garantire risultati sempre altamente accurati. Ulteriori informazioni sulla taratura degli strumenti sono disponibili qui.

Verifiche periodiche direttiva ascensori

Come abbiamo visto, oltre alla strumentazione per il settore degli ascensori, offriamo un’ampia varietà di strumenti per il controllo non distruttivo e strumentazione di misura per diversi scopi, come tutta l’area meccanica.

La nostra missione è quella di supportare i clienti nelle loro attività di controllo qualità, ci impegniamo ogni giorno per fornire le migliori soluzioni e rispondere alle loro esigenze, qui puoi leggere alcuni feedback.

Check Ingegneria e Servizi è una delle tante aziende che ci ha dato fiducia e che dimostra di essere sempre attenta al controllo qualità.

Quindi, se anche tu hai bisogno di aiuto con gli strumenti per il settore degli ascensori, o hai bisogno di consigli sullo strumento migliore per il tuo caso specifico, non esitare a contattare il nostro ufficio tecnico.

Puoi chiamarci al numero 05843923420584392453 o, in alternativa, compila il modulo online.

 

 

In questo articolo abbiamo il piacere di parlare del nostro rapporto di collaborazione con l’azienda Ing. Ferrari S.p.A.: continua a leggere per scoprire la storia dell’azienda e come  è riuscita a ottimizzare il processo di taratura degli strumenti di misura.

Chi è Ing. Ferrari S.p.A. ?

 

Ing. Ferrari S.p.A. è una delle maggiori aziende italiane nella progettazione, costruzione e gestione di opere ed impianti complessi e innovativi dal punto di vista tecnologico.

  • Dimensioni azienda

L’azienda con sede in provincia di Modena, ha visto una crescita costante negli ultimi 5 anni, fino ad arrivare ad un fatturato di oltre 71.000.000 € e più di 230 dipendenti.

  • Storia azienda

Fondata dall’Ing. Carlo Ferrari nel 1917, l’azienda modenese realizzava all’epoca impianti di riscaldamento e impianti elettrici ad uso civile.
Negli anni a seguire si è spostata verso un target industriale e direzionale di elevato standing, come le prestigiose case automobilistiche Ferrari, Lamborghini e Maserati, per le quali Ing. Ferrari S.p.A. realizza opere di grande importanza dal punto di vista tecnologico.
Dal 2013 opera come General Contractor fornendo al cliente un’unica interfaccia, dal progetto alla consegna dell’opera finita e sua successiva manutenzione.
Si occupa infatti dell’edificio nella sua completezza per la realizzazione di opere edili e impianti tecnologici.

 

Taratura degli strumenti di misura

 

Manutenzione impianti: service

Ing. Ferrari S.p.A. è molta attenta al servizio di manutenzione degli impianti attivo 24 ore su 24, che garantisce la regolare efficienza con un programma di assistenza che prevede, pianifica e gestisce la manutenzione ottimizzandone il rendimento.

Taratura strumenti di misura: il ruolo di S.A.M.A. Italia

Recentemente Ing. Ferrari ha dichiarato su LinkedIn che “svolge un’attività sistematica di taratura di tutti gli strumenti di misura utilizzati per lo svolgimento delle attività manutentive presso i clienti, grazie anche alla collaborazione con S.A.M.A. Italia Srl – SAMA Tools.”

Taratura degli strumenti di misura

 

E’ infatti con grande orgoglio che siamo fornitori dell’azienda emiliana dal 2018.
Si sono rivolti a S.A.M.A. Italia proprio perché avevano l’esigenza di porre a verifica periodica molti strumenti di misura rivolti soprattutto alla manutenzione degli impianti industriali e civili.
Parliamo di chiavi dinamometriche, gruppi manometrici, rilevatori di ossigeno e altra strumentazione riguardante il settore F-Gas.

Perché Ing. Ferrari ha scelto S.A.M.A. Italia per la taratura degli strumenti di misura?

E’ chiaro che un’azienda che garantisce un servizio di manutenzione 24 ore su 24 deve dotare i propri tecnici di decine e decine di strumenti di misura.

Ing. Ferrari S.p.A. voleva migliorare la precedente gestione del servizio di taratura periodica, che prima del 2018 prevedeva di mandare il parco strumenti, diviso per tipologia, a più fornitori.

Ciò comportava un dispendio enorme di tempo al personale dell’ufficio acquisti che doveva occuparsi di contattare ogni volta varie aziende e alla logistica, che doveva preparare svariati pallet con destinazioni diverse.

Inoltre, non sempre era facile poter parlare con i tecnici per chiedere dei chiarimenti sui certificati emessi.

Ing. Ferrari S.p.A. aveva assolutamente bisogno di trovare una soluzione più efficiente!

 

Taratura degli strumenti di misura

 

L’ufficio acquisti ha pertanto iniziato un’attenta ricerca tra i vari fornitori alternativi, fino a scegliere S.A.M.A. Italia.

E’ arrivato il momento di scoprire come Ing. Ferrari S.p.A.  è giunta a ottimizzare il processo di taratura degli strumenti di misura.

Perché proprio noi?

I fattori che hanno portato a questa scelta sono stati poter contare su:

    • Un unico fornitore per quasi tutto il parco strumenti e quindi un notevole risparmio di tempo e denaro nel poter impiegare il personale a svolgere altri compiti;
    • Velocità nel riavere la strumentazione tarata;
    • Un servizio di messa a punto, necessario su molti strumenti che passano direttamente dalle mani dei loro tecnici al laboratorio di taratura;
    • Ottimo rapporto qualità/prezzo;
    • Elevata preparazione tecnica e disponibilità nel fornire chiarimenti sui certificati emessi;
    • Personalizzazione del servizio, adattandolo alle loro esigenze.

In sintesi, ci occupiamo di gestire ogni strumento di misura sia dal punto di vista della taratura periodica che della eventuale messa a punto nell’ottica di garantire a ogni tecnico di Ing. Ferrari S.p.A. uno strumento perfettamente funzionante, in linea con tutti i requisiti richiesti dalle normative.

Quella di S.A.M.A. Italia e Ing. Ferrari S.p.A. è una collaborazione in continua crescita che ci ha permesso di dare un valore aggiunto al nostro servizio, adattandolo e personalizzandolo ad un’azienda così prestigiosa del nostro amato Paese.

Ogni cliente soddisfatto è fonte di grande orgoglio per noi, ma è proprio quando si viene scelti da grandi aziende con alti standard, tra cui Ing. Ferrari Sp.A., che capiamo di essere sulla buona strada.

Desideri maggiori informazioni o assistenza?

Se sei alla ricerca di informazioni per ottimizzare la taratura dei tuoi strumenti di misura, contatta il nostro reparto tecnico. Puoi chiamarci subito ai numeri 0584/392342 – 0584/392453 o, in alternativa, compilare il modulo online per contattarci per iscritto.

Il certificato di collaudo finale e la taratura presentano nette differenze.

Il certificato di collaudo finale

Nella produzione di serie (sia a carattere industriale che artigianale) il collaudo o controllo finale, ha l’obiettivo di accertare la rispondenza dello strumento ai requisiti funzionali e prestazionali specificati nella scheda tecnica.

Il produttore effettua delle prove, misurazioni, accertamenti ed ispezioni, finalizzate a dichiarare la conformità del prodotto alle specifiche tecniche.

Il collaudo è un’attività di controllo qualità e il produttore è obbligato a fornirlo gratuitamente al cliente.

 

Certificato di controllo, collaudo, conformità

Taratura strumenti di misura

Il certificato di taratura Accredia

 

E’ un documento emesso esclusivamente da uno dei centri di taratura accreditati ACCREDIA.

Tale certificato è ufficialmente valido in Italia e con mutuo riconoscimento nei paesi europei aderenti all’EA (European Cooperation for Accreditation).

Un certificato ACCREDIA attesta che lo strumento è stato tarato secondo le procedure riconosciute valide dagli istituti primari di competenza.

I certificati ACCREDIA sollevano il loro fruitore dall’obbligo di dimostrare che le tarature sono state eseguite in conformità delle norme di riferimento.

I certificati di questo tipo, si basano sul Sistema di qualità dei centri di taratura (vedi UNI CEI EN ISO/IEC 17025) e su procedure approvate da ACCREDIA.

Gli strumenti ed i campioni certificati ACCREDIA vengono usualmente utilizzati come “campioni primari aziendali” (es. blocchetti di riscontro) per la taratura e il controllo di altra strumentazione.

 

 

Non tutti conoscono il rapporto tra le verifiche periodiche degli ascensori e la taratura degli strumenti. Gli ascensori fanno parte della nostra quotidianità da molti anni e spesso viene dato per scontato tutto ciò che sta dietro al corretto funzionamento e alla sicurezza. Leggi l’articolo.

Il rapporto di taratura con riferibilità ai campioni nazionali (RDT)

 

Si tratta di un documento rilasciato da centri di taratura attraverso il quale viene assicurata la riferibilità della misura ai campioni nazionali, senza l’accreditamento da parte degli organismi preposti.

In linea generale, questo tipo di documenti viene richiesto per controlli interni sulla strumentazione utilizzata per le misure “sul campo” (es. pressostati, multimetri, termometri, manometri, calibri a corsoio, comparatori, micrometri, etc.).

La validità tecnica di questi documenti deriva dalla qualifica del laboratorio, dalla competenza tecnica degli operatori e dalle procedure metrologiche utilizzate.

 

 

 

 

 

I Certificati e i rapporti di taratura, al contrario del certificato di collaudo, vengono consegnati su esplicita richiesta del cliente e sono dei servizi a pagamento.

 

Scopri il nostro rapporto di collaborazione con l’azienda Ing. Ferrari S.p.A.: continua a leggere per scoprire la storia dell’azienda e come  è riuscita a ottimizzare il processo di taratura degli strumenti di misura.

E tu, sei sicuro che i tuoi strumenti di misura siano correttamente tarati?

 

Per ogni dubbio o necessità di supporto, ci sono i nostri tecnici pronti ad aiutarti.